Home Informazioni Sterilità: cause sociali e prevenzione - Fumo e infezioni
Sterilità: cause sociali e prevenzione - Fumo e infezioni PDF Stampa E-mail
Indice
Sterilità: cause sociali e prevenzione
Il Fattore età
Lo stile di vita
Fumo e infezioni
Tutte le pagine



Fumo e infezioni

  Il fumo di sigarette, anche quello passivo, è indubbiamente di danno per la fertilità. Il fumo ritarda di almeno sei mesi le possibilità di concepimento, agendo sia sull’ovulazione sia sugli spermatozoi; nelle fumatrici la menopausa è significativamente anticipata per l’accelerazione della scomparsa degli oociti; c’è aumento di abortività; il danno persiste anche con uso di tecniche di PMA.

  Anche l’uso di marijuana, legale in alcuni paesi, è stato associato ad una maggiore incidenza di sterilità (per le altre droghe è difficile accertare il rischio, dato che sono illegali).

  Microbi trasmessi con i rapporti sessuali possono causare sterilità o sub-fertilità, sia nella donna sia nell’uomo. Quelli su cui vi sono più dati sono la Chlamydia trachomatis e la Neisseria gonorrhoeae: nei maschi possono causare subfertilità per alterazioni degli spermatozoi; nelle donne possono causare danni alle tube (con rischio di sterilità o di gravidanza extrauterina), soprattutto in circostanze che ne facilitino la risalita nell’apparato genitale interno, quali l’adolescenza (per fattori biologici favorenti) o manovre strumentali ginecologiche non adeguatamente coperte da terapia antibiotica. Ovviamente il vaccino anti-HPV non protegge da questo tipo di infezioni, così come non protegge la pillola contraccettiva (anche se il suo impiego comporta modificazioni biologiche della cervice uterina che riducono il rischio di risalita dei microbi). In un ampio studio effettuato a Torino la presenza di Chlamydia è stata rilevata nell’1% delle donne sessualmente attive; come in numerosi altri studi, il rischio era correlato al numero di partners e alla precocità dei rapporti. Per la prevenzione probabilmente non è sufficiente sensibilizzare i ragazzi sui rischi per la fertilità, e forse nemmeno sulla necessità di avere rapporti protetti. Occorrerebbe riuscire a evidenziare che la sessualità è una cosa bella e preziosa se fruita in un adeguato contesto psicologico e affettivo.

 

BIBLIOGRAFIA

Mac Dougall K. Et al.: Age shock: misperceptions of the impact of age on fertility before and after IVF in women who conceived after age 40, in «Hum. Reprod.», 2013. Porcu E.: Le prospettive di sviluppo scientifico a partire dai “paletti” della legge 40: un’esperienza tutta italiana, in «I quaderni di Scienza e Vita», 7: 45-51, 2010. Speroff L. et al.: «Clinical Gynecologic Endocrinology and Infertility», 7a Ed., Lippincott Williams & Wilkins, 2005.

 

 

 

  


- Prof. Carlo Campagnoli, primario f.r. di Ginecologia Endocrinologica, Clinica Fornaca di Sessant, Torino



Ultimo aggiornamento Lunedì 08 Luglio 2013 23:32